Tifo Catania
Sito appartenente al Network

Chiarella: “sono pronto, mai dubitato di voler rimanere a Catania”

L'attaccante rossazzurro ha raccontato la scelta estiva di rimanere a Catania e il percorso di recupero fisico

L’esterno del Catania, Marco Chiarella, è intervenuto ai microfoni di ‘Catanista’ facendo il punto della situazione in vista del Messina e soprattutto per parlare del suo inizio di stagione travagliato viste le tante gare saltate. Ecco le sue impressioni:

“E’ stata necessaria tanta pazienza per accettare prima l’infortunio dello scorso anno e poi lo stop ragionato di questa stagione. Rimanere fuori non è stato semplice. Lo scorso anno ho avuto un brutto infortunio e questa estate mi trascinavo dietro un disequilibrio nel carico posturale che poteva causare ulteriori guai. Con lo staff medico e con la dirigenza abbiamo deciso di intraprendere un percorso che potesse riequilibrare la mia condizione, inizialmente ho storto un po’ il muso, dopo ho capito che era per il mio bene”

“Fisicamente sto benissimo e ho i novanta minuti sulle gambe, mi manca la confidenza con la partita vera ma quella arriva solo giocando. In pratica mi sono allenato il doppio degli altri. In questa settimana abbiamo lavorato molto sull’occupazione dell’area di rigore perchè contro la Virtus Francavilla abbiamo sprecato troppe occasioni e ci sono stati degli errori. I cross devono essere sfruttati meglio e dobbiamo chiudere l’azione con l’esterno opposto. Col Messina sarà una partita difficile, loro vorranno subito metterla sull’intensità e noi dovremo farci trovare pronti”

“La sfida col Pescara? Sarà una partita particolare per me, sono nato e cresciuto lì, onestamente speravo che passasse il turno contro il Latina. Io non ho mai avuto dubbi, è stata una trattativa lunga perchè c’erano accordi di cui discutere, ma io volevo rimanere a Catania e così è stato. Rapporto con Zeman? No, non ci siamo incrociati, quando è iniziato il ritiro io ero già proiettato verso Catania. Tatticamente posso giocare anche a sinistra, ovviamente in un modo diverso rispetto a come lo faccio a destra. Potrei giocare anche da trequartista centrale, ma ogni giocatore ha i suoi punti di riferimento come la linea di fondo per me”

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

I numeri di un Taranto in grande forma, pronto a dare battaglia ai rossazzurri...
I tifosi rossazzurri renderanno il Massimino la solita bolgia nella gara di ritorno di Semifinale...
I tarantini dominano i precedenti casalinghi, ma il ricordo più vivo é lo 0-0 del 2002...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra acquisti...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...